fbpx
mantenimento dei nipoti a carico dei nonni

I nonni devono pagare mantenimento ai nipoti se il genitore non provvede? Quando può accadere?

I nonni devono pagare mantenimento ai nipoti se un genitore non paga o è indigente?

Sempre più spesso clienti al nostro studio si recano per verificare se è possibile richiedere il contributo dei nonni. Nella maggior parte delle ipotesi, le idee sono confuse e vi è un eccessivo affidamento a ciò che si legge sul web!

Sappiamo bene cosa significa mantenere un figlio e cosa comporta la mancata contribuzione da parte di uno dei due genitori.

Spesso capita anche che l’altro risulti nulla tenente, mentre in realtà, vi è una ricchezza familiare, i nonni vivono nell’agiatezza, hanno case, macchine, soldi, mentre il genitore che vive con il figlio deve fare i salti mortali, tra bollette, mutuo, vestiario, cibo, libri, attività sportive.

La rabbia sale e si vuole intraprendere ogni tipo di azione per recuperare quanto non corrisposto.
NON AFFIDATEVI A CIÒ CHE LEGGETE SU GOOGLE se non avete gli strumenti per analizzarlo. Non mi stancherò mai di ripeterlo.

Come non potete rivolgervi al cardiologo se avete problemi respiratori, rivolgetevi ad un legale che abbia competenza.

Vediamo nel dettaglio

Ai nonni, in qualità di diretti ascendenti dei genitori, spetta l’obbligo di contribuire al mantenimento dei nipoti se un genitore non versa nulla e l’altro, nonostante l’aiuto della madre e del padre, non riesce a fare fronte a tutte le spese necessarie per il figlio.

L’obbligo principale di mantenere i figli grava sui genitori. Se uno dei due non vuole o non è in grado di provvedere in tale senso, l’altro deve assumersi per intero tale onere, ricorrendo al suo patrimonio e alle sue capacità lavorative.

Solo in via Sussidiaria e subordinata, c’è poi l’obbligo degli ascendenti dei genitori di provvedere. a loro ci si può rivolgere, in caso di inadempimento del genitore, solo se l’altro non è in grado di mantenerli.

Ciò significa che l’obbligo dei nonni di contribuire pretende il riscontro dell’assenza di mezzi sufficienti da parte dei genitori.
Non esiste, dunque, un obbligo generico ed indiscriminato a carico dei nonni.
Agli ascendenti non ci si può rivolgere per un aiuto economico per il solo fatto che uno dei due genitori non dia il proprio contributo al mantenimento dei figli, se l’altro genitore è in grado di mantenerli.

In un caso deciso dal tribunale, pur sussistendo l’inadempimento paterno, la madre della bambina non ha dimostrato l’insufficienza dei mezzi. Anzi, dagli elementi prodotti in giudizio risulta che la signora sia perfettamente in grado di produrre reddito in misura dignitosa e sufficiente al mantenimento proprio e della prole. 
L’assenza di prova in ordine all’insufficienza dei mezzi della madre è già di per sé idonea ad escludere il sorgere dell’obbligazione in capo agli ascendenti.

Pertanto se vi state chiedendo se i vostri suoceri possono essere obbligati a corrispondere una parte del mantenimento per i vostri figli, è necessaria una valutazione approfondita della vostra situazione da parte di un legale esperto per evitare inutili e dispendiosi giudizi.

Non limitatevi a leggere su Google le notizie, oppure a dare per oro colato l’esperienza giudiziaria dell’amico, del vicino, del cugino.
Rivolgetevi ad un legale con esperienza che possa analizzare la vostra situazione e verificare se vi siano i presupposti per iniziare un ricorso contro i nonni.

Potrete chiamare al numero verde 800660817 per prenotare una consulenza o videoconsulenza con il nostro studio, se davvero volete verificare la possibilità di fare ricorso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.