fbpx

L’alienazione genitoriale si verifica quando un figlio rifiuta un genitore senza giusta causa, di solito sotto l’influenza dell’altro genitore.

L’alienazione genitoriale si verifica quando un figlio rifiuta un genitore senza giusta causa, di solito sotto l’influenza dell’altro genitore.

I tuoi figli si sono rivoltati contro di te? Rifiutano di trascorre del tempo con te? Si sono uniti al tuo ex nel trattarti con disprezzo? In tal caso, potrebbero soffrire di alienazione genitoriale.

In questo articolo si fornisce una panoramica e un riassunto dell’alienazione genitoriale per aiutare i genitori separati e divorziati, i nonni e altri afflitti da questo problema a identificare, prevenire e curare relazioni fratturate psicologicamente dannose.

Riassunto: Alienazione genitoriale

Questo articolo tratta i seguenti problemi.

R. Che cos’è l’alienazione genitoriale?
B. Comportamenti di alienazione genitoriale: rendere i bambini alleati in una battaglia tra genitori
C. Come identificare un bambino che soffre di alienazione genitoriale

  • Il bambino resiste a una relazione con l’altro genitore
  • Perdita di una precedente relazione positiva con il genitore rifiutato
  • L’assenza di abuso, negligenza o genitorialità gravemente carente
  • Comportamenti del genitore alienante e degli alleati
  • Denigrare atteggiamenti e comportamenti nei confronti di un genitore

D. Prevenzione dell’alienazione genitoriale e intervento precoce
E. Dieci errori comuni che i genitori mirati devono evitare
F. In che modo i tribunali per la famiglia possono aiutare con l’alienazione genitoriale

G. Come ottenere maggiori informazioni sull’alienazione genitoriale

Che cos’è l’alienazione genitoriale?

A1. Definizione di alienazione genitoriale

L’alienazione genitoriale è un disturbo in cui un bambino rifiuta un genitore senza una giusta causa. Il rifiuto può variare da lieve a grave.

 Nella lieve alienazione, un bambino può condividere la litania di lamentele di un genitore sull’altro genitore, ma si affeziona a quel genitore quando sono insieme. I

In una grave alienazione genitoriale, il bambino può rifiutare il contatto, esprimere odio per un genitore precedentemente amato e credere che il genitore non abbia valore.

A2. “Sindrome da alienazione genitoriale” – Perché il termine è in disuso

Come per altri problemi di salute mentale, la nostra comprensione del disturbo e i termini usati per descriverlo si sono evoluti nel tempo. Ad esempio, oggi quello che chiamiamo “disturbo da stress post-traumatico” era un tempo noto come “shock da conchiglia”. Poiché i medici hanno osservato che i bambini irragionevolmente alienati tendono a condividere un gruppo di atteggiamenti e comportamenti, come esprimere solo pensieri e sentimenti negativi nei confronti del genitore alienato, in passato questo problema di salute mentale era noto come sindrome da alienazione genitoriale . Il termine sindrome è stato utilizzato perché si riferisce a un gruppo di sintomi di salute mentale che si verificano costantemente insieme.

L’alienazione di un figlio da un genitore, non corretta, può durare tutta la vita.

Nonostante il gruppo di comportamenti comunemente osservati dei bambini alienati, il termine sindrome da alienazione genitoriale è caduto in disgrazia, soprattutto nel contenzioso in materia di diritto di famiglia. I professionisti della salute mentale erano preoccupati che quando un bambino alienato mostrava questi comportamenti tipici nei confronti di un genitore, terapeuti e giudici in un caso di affidamento dei figli sarebbero giunti alla conclusione che la colpa fosse dell’altro genitore. Naturalmente, altri fattori possono danneggiare la relazione di un bambino con un genitore, e quindi è essenziale mantenere una mente aperta quando si cercano le radici di un bambino che rifiuta un genitore.

A3. Alienazione genitoriale e figli adulti

L’alienazione di un figlio da un genitore, non corretta, può durare tutta la vita. Molti genitori rifiutati riferiscono che i loro figli adulti rimangono in disparte o completamente fuori contatto. Questi genitori perdono eventi importanti, come la laurea, il matrimonio e la nascita dei nipoti del figlio. I figli adulti alienati possono privare i propri figli di una serie di nonni.

Da adulti, alcuni bambini precedentemente alienati si rendono conto di essere stati manipolati per rifiutare un buon genitore. Alla fine si riconnettono con il genitore che hanno rifiutato per così tanti anni, ma sono arrabbiati con il genitore alienante che ha interferito con la loro capacità di dare e ricevere amore da un genitore rifiutato e ha fatto perdere loro molte esperienze con quel genitore.

B. Comportamenti di alienazione dei genitori: rendere i bambini alleati in una battaglia tra genitori

La maggior parte dei genitori separati e divorziati comprende l’importanza di proteggere i propri figli dai conflitti della coppia e fa un buon lavoro nell’onorare questa responsabilità.

Alcuni genitori, però, perdono di vista il bisogno dei loro figli di amare ed essere amati da entrambi i genitori. Tale genitore, a volte chiamato genitore alienante, arruola i bambini come alleati in una battaglia contro l’altro genitore, a volte chiamato genitore preso di mira o genitore alienato.

Attraverso una varietà di strategie di alienazione genitoriale, i genitori alienanti insegnano ai bambini che l’altro genitore è un cattivo genitore che non li ama veramente, può essere pericoloso e non merita la loro fiducia, affetto o rispetto. I genitori alienanti incoraggiano e sostengono la sfida e la mancanza di rispetto dei bambini nei confronti dell’altro genitore e premiano i bambini per aver evitato il contatto con l’altro genitore. Alcuni bambini si sentono gravati dal bisogno di supporto emotivo di un genitore e diventano un tutore emotivo del genitore assecondando il desiderio del genitore di sminuire l’importanza dell’altro genitore.

I bambini che assorbono le lezioni di odio da un genitore alienante si allontanano da una madre o da un padre precedentemente amato, e spesso un’intera famiglia allargata, lasciando i parenti rifiutati perplessi su cosa avrebbero potuto dire o fare per spezzare la relazione.

Nei casi più estremi, i genitori che alienano i propri figli contro l’altro genitore cospirano con i figli per uccidere il genitore bersaglio.

C. Come identificare un bambino che soffre di alienazione genitoriale

Il comportamento negativo di un bambino nei confronti di un genitore non è sufficiente a determinare che il bambino sia irragionevolmente alienato. Per determinare l’alienazione dei genitori, i professionisti della salute mentale e legali e i professionisti coinvolti nelle valutazioni dell’affidamento dei figli, considerare cinque fattori.

C1. Il bambino resiste a una relazione con l’altro genitore

Il segno distintivo dell’alienazione genitoriale è il ritiro emotivo e talvolta fisico del bambino da un genitore. Questo può verificarsi a vari livelli. Il bambino può trascorrere del tempo affidato alle cure del genitore ma rifiutarsi di impegnarsi in modo significativo con il genitore, rimanendo chiuso; respingere i tentativi dei genitori di comunicare, interagire o condividere attività piacevoli (anche pasti); sprezzante espressioni di affetto; e trattando il genitore con disprezzo.

I genitori alienanti insegnano ai bambini che l’altro genitore è un cattivo genitore che non li ama davvero, può essere pericoloso e non merita la loro fiducia, affetto o rispetto.

Il bambino può trascorrere del tempo nella casa del genitore preso di mira solo per rubare oggetti e documenti, sabotare apparecchiature elettroniche o raccogliere prove “spiando” il genitore. Mentre è in casa, il bambino può distruggere i suoi beni cari, aggredire fisicamente il genitore o tentare in altri modi di provocare una scena drammatica che si traduce in denunce di maltrattamento.

Oppure il bambino può resistere al contatto con il genitore, rifiutarsi di rispettare il calendario dei genitori ordinato dal tribunale o scappare dal genitore rifiutato.

Affinché il comportamento negativo di un bambino possa essere considerato un’espressione di alienazione genitoriale, il comportamento negativo deve essere cronico, frequente, diretto a un solo genitore, manifestarsi senza mostrare amore genuino verso quel genitore ed essere atipico per un bambino di quell’età. Ad esempio, un bambino che si sente più vicino a un genitore o più a suo agio nella casa di quel genitore ma continua a mostrare amore e interesse nel trascorrere del tempo con l’altro genitore, non è alienato.

C2. Perdita di una precedente relazione positiva con il genitore preso di mira

Nella maggior parte dei casi, prima che il bambino iniziasse a rifiutare il genitore preso di mira, godeva di una relazione normale. L’attuale alienazione del bambino è in netto contrasto con il passato. Il bambino mostrava affetto e conforto con il genitore. Ora il bambino afferma di odiare o temere il genitore alienato.

Ma una precedente buona relazione non significa automaticamente che un figlio che rifiuta un genitore non sia giustificato. È possibile che il comportamento del genitore rifiutato sia peggiorato in modo significativo dopo la rottura. Ad esempio, i bambini possono sentirsi ansiosi nei confronti di un genitore che ha iniziato a parlare inesorabilmente male dell’altro genitore. Invece di allinearsi con il genitore alienante e rifiutare il genitore preso di mira, i bambini vogliono evitare il genitore che li mette a disagio, ciò che i professionisti chiamano “contraccolpo”.

Se un genitore alienante parla inesorabilmente dell’altro genitore, i bambini potrebbero sentirsi ansiosi e pieni di risentimento e potrebbero voler evitare di sentire cose cattive su un genitore che amano.

Inoltre, in alcune famiglie, un bambino può essere alienato anche quando non è mai stata stabilita una buona relazione precedente. In queste famiglie, il bambino è stato privato di sufficienti opportunità per vedere il genitore in una luce positiva, sia tenuto lontano dai contatti o gli è stato insegnato fin dalla tenera età che l’altro genitore non era degno di rispetto.

C3. L’assenza di abuso, negligenza o genitorialità gravemente carente

Quando il rifiuto di un bambino è una reazione giustificata all’essere stato maltrattato duramente da un genitore o alla violenza domestica, non si tratta di alienazione genitoriale.

I bambini che subiscono maltrattamenti cronici da parte di un genitore possono accogliere favorevolmente il divorzio dei genitori o la separazione familiare come un’opportunità per sfuggire al maltrattamento. Quando questi bambini sanno che non devono più trascorrere del tempo con un genitore violento e non temono ritorsioni, possono resistere o rifiutare il contatto. Questa non è alienazione genitoriale.

In alcune famiglie un figlio che rifiuta un genitore implica un mix di componenti razionali e irrazionali. Il genitore rifiutato ha agito in un modo che potrebbe ragionevolmente deludere o far arrabbiare un bambino nella misura in cui la reazione iniziale del bambino è comprensibile. Ma con il tempo, la sensibilità del genitore rifiutato e il sostegno adeguato da parte degli altri, la relazione genitore-figlio normalmente si riprenderebbe, a meno che qualcuno, come l’altro genitore, alimenti la discordia e incoraggi il bambino a considerare un singolo sfortunato episodio imperdonabile e giustificabile. per una rottura definitiva. In tal caso, l’ostilità e il disprezzo del bambino sono implacabili, chiaramente sproporzionati rispetto alle malefatte del genitore, e possono rischiare di porre fine alla relazione genitore-figlio.

Tutti i bambini trovano cose da criticare sui loro genitori. Normalmente questo non danneggia la relazione. I bambini alienati hanno bisogno di aiuto per capire che gli errori non definiscono una persona e che le persone, inclusi i genitori rifiutati, sono più dei loro errori.

In alcuni casi, quello che sembra un comportamento che giustificherebbe il rifiuto del bambino è, invece, la risposta inefficace di un genitore all’alienazione del bambino. Non è raro che un genitore che non comprende il comportamento confuso e ostile del bambino perda la pazienza con il bambino.

I professionisti della salute mentale e legali distinguono i casi di alienazione genitoriale principalmente legati al comportamento di un genitore da quelli legati a entrambi i genitori considerando quando è iniziata l’alienazione, la natura e il contesto dei comportamenti di ciascun genitore, gli atteggiamenti del bambino e se il genitore rifiutato può avere buone relazioni con altri bambini (come figliastri).

C4. Comportamenti del genitore alienante e degli alleati

Nella maggior parte dei casi di alienazione genitoriale, il genitore alienante si impegna in un modello di comportamento (non pochi casi isolati di maldicenze) che ha chiaramente la capacità di danneggiare la relazione del bambino con l’altro genitore. Nel libro sull’alienazione dei genitori, Divorce Poison, l’autore si riferisce a uno spettro di comportamenti alienanti che vanno dal parlare male, al picchiare e al lavaggio del cervello.

In questi casi, il genitore alienante e gli alleati continuano a parlare male del genitore preso di mira, concentrano l’attenzione dei bambini sugli errori del genitore preso di mira ed esagerano i difetti del genitore. Nascondono ai bambini tutte le prove dell’amore e del sostegno dell’altro genitore. I genitori alienanti interferiscono con i contatti genitore-figlio programmando attività contrastanti, dando ai bambini la possibilità di rinunciare al tempo stabilito dal tribunale con l’altro genitore, o invadendo questo tempo con frequenti chiamate e messaggi per rafforzare gli atteggiamenti negativi dei bambini mentre sono con loro altro genitore.

Non parlando mai positivamente dell’altro genitore e battendo i tamburi negativi, un genitore alienante manipola i figli per respingere l’altro genitore. In alcuni casi, un genitore alienante istruisce un bambino ad accusare falsamente l’altro genitore di abusi fisici, emotivi o sessuali.

C5. Denigrare atteggiamenti e comportamenti nei confronti di un genitore

Secondo gli psicologi che lavorano con l’alienazione genitoriale, i bambini che sono irragionevolmente alienati condividono determinati atteggiamenti e comportamenti. I bambini alienati si preoccupano di denigrare il genitore, recitano un elenco di lamentele e trattano il genitore come se non avesse alcun valore e non l’avesse mai fatto. Molti bambini gravemente alienati affermano che vorrebbero che il genitore morisse o semplicemente scomparisse.

Allo stesso tempo, i bambini non esprimono alcun senso di colpa o rimorso per il loro comportamento odioso. Al contrario, la maggior parte dei bambini abusati fisicamente temono chi li abusa e si comportano in modo ossequioso e compiacente per evitare di far arrabbiare il genitore. Non sfidano apertamente o mancano di rispetto al genitore violento.

A meno che non accusino un genitore di abuso, i bambini che sono irrazionalmente alienati generalmente non possono spiegare adeguatamente perché rifiutano il genitore. Danno ragioni banali, a volte assurde, per voler recidere i legami. Ad esempio, un bambino ha detto che non voleva più vedere sua madre perché non gli piacevano i pasti che preparava.

Di solito, la maggior parte dei bambini ha sentimenti contrastanti nei confronti dei propri genitori. A loro piacciono certe cose e non gli piacciono altre. Anche i bambini che hanno subito abusi fisici, sessuali o emotivi da parte di un genitore si aggrappano ai ricordi dei bei momenti con quel genitore, vogliono vedere l’aggressore in una luce positiva e spesso difendono il genitore dalle autorità.

Al contrario, nel caso dell’alienazione dei genitori, i bambini che sono irrazionalmente alienati mancano di ambivalenza nei confronti dei genitori. Non riescono a pensare a nulla di buono da dire sul genitore alienato, ma rifiutano le critiche al genitore preferito (chiamato anche genitore favorito) con cui sono allineati. Nelle controversie genitoriali, i figli si schierano automaticamente con il genitore preferito contro il genitore alienato e accettano automaticamente come vere le accuse del genitore allineato sul genitore preso di mira.

Man mano che la loro alienazione diventa più radicata, i bambini rifiutano non solo un genitore, ma anche le persone, gli animali domestici e le attività associate al genitore alienato.

In effetti, i bambini alienati fanno eco al catalogo delle lamentele del genitore allineato, spesso usando un linguaggio simile anche quando questo include parole e frasi che il bambino non comprende completamente. Allo stesso tempo, i bambini insistono sul fatto che stanno rifiutando il genitore di propria iniziativa e non sono stati influenzati dal genitore che preferiscono. Ciò si verifica anche quando gli osservatori sottolineano le ovvie manipolazioni del genitore alienante.

Man mano che la loro alienazione diventa più radicata, i bambini rifiutano non solo un genitore, ma anche le persone, gli animali domestici e le attività associate al genitore alienato. Tragicamente, le relazioni profondamente amorose con nonni, zii, zie e cugini svaniscono in un istante.

La diffusione dell’odio può essere il segno più evidente che gli atteggiamenti del bambino sono irragionevoli, perché spesso si manifesta senza che intervengano interazioni da parte dei parenti. L’ultima volta che la bambina è stata con la nonna, amava passare il tempo a casa sua. Ora non vuole avere niente a che fare con lei, e il suo cambiamento di atteggiamento non potrebbe riflettere il trattamento riservato da sua nonna perché non c’è stato alcun contatto o comunicazione dall’ultima visita. Amare un minuto, odiare il prossimo.

D. Prevenzione dell’alienazione parentale e intervento precoce

È più facile prevenire l’alienazione dei genitori prima che diventi grave e radicata. I genitori coinvolti in comportamenti alienanti devono imparare come stanno danneggiando i loro figli e sviluppare modi più sani per far fronte alla loro delusione e rabbia verso il loro ex partner. Hanno bisogno di sapere che i loro figli potrebbero risentirsi per il fatto di parlare male del genitore preso di mira e vogliono evitare di essere intorno a loro, contraccolpo. In alcuni casi, un comportamento alienante grave può comportare una perdita di contatto con i bambini limitata, sorvegliata o temporanea. L’apprendimento di tali possibili conseguenze negative può aiutare a motivare i genitori a inibire il comportamento alienante tossico.

I genitori i cui figli stanno diventando alienati dovrebbero mantenere i contatti con i bambini, a meno che ciò non sollevi preoccupazioni per la sicurezza del genitore o del bambino. Potrebbe essere necessario cercare rimedi legali, come chiedere al tribunale di far rispettare gli ordini di tempo per i genitori e forse ordinare ai genitori e ai figli di frequentare programmi di educazione al divorzio o terapia.

E. Dieci errori comuni che i genitori mirati devono evitare

I genitori con figli che stanno vivendo l’alienazione genitoriale devono imparare modi per comunicare con i propri figli che non intensifichino il problema. E’ necessario insegnare ai genitori come rispondere al comportamento negativo dei bambini che sono alienati e come evitare questi 10 errori comuni che peggiorano le cose.

  1. Non perdere la pazienza, non comportarti in modo troppo aggressivo e non criticare aspramente i tuoi figli.
  2. Non respingere i tuoi figli dicendo loro che se non vogliono vederti, non vuoi vederli.
  3. Non permettere passivamente ai bambini e al tuo ex di dettare i termini del tuo contatto con loro. Non aspettare pazientemente che i bambini si “raffreddino” o sentano che “è il momento giusto” per vederti. I genitori alienati imparano troppo tardi che il momento non è mai quello giusto.
  4. Non perdere tempo con i bambini cercando di dissuaderli dai loro atteggiamenti negativi. Impegnarsi invece in interazioni piacevoli e prive di conflitti.
  5. Non respingere i sentimenti dei bambini e non dire loro che non sono veramente arrabbiati o hanno paura di te. Anche se questo può essere vero, i bambini potrebbero sentire che non li capisci.
  6. Non accusare i bambini di ripetere semplicemente ciò che l’altro genitore ha detto loro. Ancora una volta, anche se questo può essere vero, i bambini lo negheranno con veemenza e si sentiranno attaccati da te.
  7. Non parlare male del tuo ex.
  8. Non chiedere scuse ai tuoi figli per il loro comportamento irrispettoso in passato. Concentrati sulla tua relazione nel presente e nel futuro.
  9. Non insistere nel mettere le cose in chiaro sulle false accuse passate come precondizione per andare avanti. Non è necessario che i bambini concordino sul fatto che sei stato falsamente diffamato. Questo può renderli eccessivamente ansiosi intorno a te ed essere controproducenti.
  10. Non essere riluttante a ottenere assistenza legale per far rispettare le aspettative di contatto con i tuoi figli e salvarli da un ambiente genitoriale tossico.

F. Come un tribunale della famiglia può aiutare con l’alienazione dei genitori

I genitori coinvolti in procedimenti dinanzi a un tribunale della famiglia, compresi i casi di divorzio ad alto conflitto e contenzioso per l’affidamento dei figli, a volte vengono a conoscenza dell’alienazione dei genitori in un breve programma educativo ordinato dal tribunale. Aiuta quando il tribunale emette e fa rispettare ordini dettagliati sul tempo per la genitorialità e sul trattamento ordinato dal tribunale.

Perdere un genitore è una tragedia nella vita di un bambino. Dovremmo fare tutto il possibile per prevenire la tragedia dell’alienazione dei genitori.

La consulenza genitoriale strutturata e limitata nel tempo ei programmi psicoeducativi per l’intera famiglia possono aiutare a prevenire l’alienazione dei genitori o ridurre i livelli lievi di comportamenti alienanti. La consulenza strutturata insegna a genitori e figli le capacità di affrontare e ridurre i conflitti.

Il tribunale della famiglia può nominare un coordinatore genitoriale per aiutare i genitori impegnati in co-genitorialità ad alto conflitto a gestire meglio le controversie, comprendere i bisogni dei loro figli e proteggere sane relazioni genitore-figlio.

I

Il superamento di un’alienazione più grave di solito richiede un intervento legale. Il tribunale della famiglia può affidare i figli alienati alla custodia del genitore rifiutato e autorizzare tale genitore a ottenere un aiuto specializzato per i figli. 

In alcuni casi, il tribunale sospende temporaneamente il contatto dei bambini con un genitore alienante, mettendo essenzialmente in quarantena il genitore per proteggere i bambini da un’ulteriore esposizione a influenze negative che potrebbero ostacolare i loro progressi nella guarigione della relazione con l’altro genitore. Questo è talvolta chiamato un periodo di separazione protettiva dal genitore alienante e un periodo di contatto ristoratore con il genitore alienato.

Un genitore alienante e bambini alienati possono opporsi a tali sforzi per superare il problema e sostenere che rimuovere i bambini dal genitore che preferiscono, anche se il tribunale ritiene che la loro preferenza sia il risultato di una manipolazione psicologicamente abusiva, traumatizzerà i bambini. Non esiste alcuna base scientifica per una tale previsione e la maggior parte dei professionisti della salute mentale ritiene che sia essenziale salvare i bambini da un processo tossico che potrebbe costare loro una relazione d’amore con un genitore e i parenti del genitore e portare al dolore per tutta la vita. Nessuno studio ha rilevato che i bambini si rammaricano di essersi riuniti con un genitore buono e amorevole.

Perdere un genitore è una tragedia nella vita di un bambino. Dovremmo fare tutto il possibile per prevenire la tragedia dell’alienazione dei genitori e per aiutare i bambini a riprendersi ed evitare danni psicologici duraturi. Il tribunale della famiglia ha il compito fondamentale di aiutare.

-fonte Richard A. Warshak fonte clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.