fbpx
Ho tradito mio marito. Ho tradito mia moglie

“Mio marito mi ha tradito con la nostra migliore amica, voglio chiedere i danni“ Tutta la verità che è necessario sapere.

Ho tradito mia moglie: è possibile che lei richieda i danni?

Tua moglie o tuo marito ti hanno tradito pubblicamente, magari proprio con un amico/amica di famiglia. Oppure con un/una collega di lavoro.Tutti lo sanno. Il paese magari è anche piccolo. La tua dignità è messa a dura prova. La sofferenza è tanta che si trasforma in rabbia. Deve pagare. Una delle prime cose a cui si pensa è quella di richiedere un risarcimento dei danni milionario per la sofferenza patita, per l’umiliazione, per aver distrutto le nostre aspettative sul futuro e la nostra famiglia. 

Pensiamo bene di rivolgersi ad un avvocato divorzista, un avvocato matrimonialista, che sia molto aggressivo, che sappia fare la guerra per spolpare vivo il nostro ex partner che ci ha profondamente ferito ed umiliato.

E magari riusciamo anche a trovare l’avvocato che formula un calcolo approssimativo sulla milionaria somma che ci spetterebbe per le corna che ci ha messo la/il nostra/o ex coniuge.

Inoltre, sempre lo stesso legale, oltre a promettere l’incasso della somma, vi induce a credere che il tradimento impedisca anche alla controparte di poter vedere i figli.

Ho tradito mio marito. Ho tradito mia moglie
Tradimento del coniuge e risarcimento danni

Bene! Se vi trovate in questa situazione oppure state cercando un avvocato con queste caratteristiche, sappiate che, semmai doveste trovarlo, questo legale sarebbe un vero e proprio cialtrone! 

Non mi importa di sembrare sgarbata nei confronti di certi avvocati la cui condotta non rispecchierebbe i principi che devono presiedere l’agire di un difensore!

Se ti hanno fatto credere questo, ti hanno raggirato! 

È comprensibile la tua rabbia per il tradimento, per la ferita ingiusta che hai subito proprio da chi amavi. Ti senti preso in giro! Non è giusto e vuoi vendetta! 

Molti anni fa, all’inizio della mia carriera, credevo che la vendetta fosse il fine di un processo per una separazione dovuta ad un tradimento. 

Mi sbagliavo.

Ora è il momento di chiarirti le idee su quali sono le vere conseguenze quando un coniuge tradisce.

Secondo la Cassazione, il coniuge tradito può essere riconosciuto il risarcimento del danno non patrimoniale subito in conseguenza della separazione cagionata dalla violazione degli obblighi di fedeltà, SOLO se la condotta dell’altro abbia violato un diritto costituzionalmente garantito come la salute, la dignità e l’onore. È necessario che venga dimostrato il nesso di causa tra la depressione e il tradimento. Come ulteriore chiarimento: è necessario che la depressione sia conseguenza del tradimento e non della separazione. Sarà dunque necessaria una CTU. 

In un caso trattato in Cassazione, la richiesta avanzata dal marito di risarcimento nei confronti della moglie fedifraga è stata rigettata perché non è riuscito a provare il nesso di causa tra il danno ingiusto lamentato e la condotta illecita della moglie. La depressione che lo ha colpito deve attribuirsi infatti più alla separazione, che al tradimento.

La violazione del dovere di fedeltà può dar luogo al risarcimento di danni non patrimoniali ma la condizione di afflizione indotta nel coniuge deve superare la soglia della tollerabilità e deve tradursi per le sue modalità o per la gravità dello sconvolgimento che provoca, nella violazione di un diritto costituzionalmente protetto, quale in ipotesi, quello alla salute o all’onore o alla dignità persona.

Quindi ATTENZIONE a ritenere dovuto a prescindere il risarcimento dei danni per il tradimento subito. 

È un processo lungo e dispendioso! E spesso molto pericoloso. 

Il coniuge traditore ha pieno diritto ad esercitare il suo dovere genitoriale.

Il segreto è informarsi, avere le idee chiare, rivolgersi ad un avvocato esperto in diritto di famiglia che abbia esperienza in merito. 

Leggi le testimonianze del nostro studio clicca qui.

Se desideri prenotare una consulenza, potrai chiamare al numero 0815405612 oppure interamente a nostro carico 800660817.

Desideri raccontarci la tua storia? Scrivici all’e-mail avvocatodicaprio@gmail.com 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.