fbpx

Stati Uniti: abolito l’aborto. Ora sarà illegale

Aborto illegale in America. cosa è successo

La Corte Suprema ha annullato la sentenza sul diritto all’aborto negli Stati Uniti d’America. La “Roe v Wade” fu approvata dalla Corte Suprema nel 1973 e fino ad oggi ha permesso alle donne di interrompere la gravidanza nei primi tre mesi di gestazione. La decisione ha scatenato proteste all’esterno della sede della Corte Suprema, dove sono arrivati anche gruppi contrari all’aborto che hanno iniziato a festeggiare.

Con l’abolizione della sentenza, i singoli stati potranno decidere se vietare la procedura.

Secondo quanto riporta la Bbc, tredici stati hanno già approvato le cosiddette leggi trigger che bandiranno automaticamente l’aborto a seguito della sentenza della Corte Suprema. Ci sono altri stati, come Pennsylvania, Michigan e Wisconsindove, dove le posizioni sono così divergenti che si attendono battaglie legali anche sulla possibilità di andare ad abortire in un altro stato.

L’annullamento della “Roe v Wade” è arrivato venerdì quando la Corte Suprema si è espressa su un caso in cui si contestava il divieto di aborto del Mississippi dopo 15 settimane, mentre la Roe lo rendeva possibile fino a 24 settimane: il tribunale si è pronunciato a favore dello stato del Mississipi con un voto di sei giudici contro tre contrari, ponendo così fine al diritto costituzionale all’aborto.

1 commento su “Stati Uniti: abolito l’aborto. Ora sarà illegale”

  1. Questa è una delle violenze più grandi che si possa fare a una donna. Non importa a nessuno se quella donna è stata posseduta con violenza? Hanno idea di quante ragazze che per disperazione potrebbe ricorrere al suicidio. Se una famiglia non può mantenerli che farà lo stato? Glieli mantiene fino alla maggiore età? Garantirà loro assistenza medica? O li venderà sotto forma di adozione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.