fbpx
caccia di casa ex

Cacciare di casa ex compagno. Come si fa?

Quando una convivenza diventa intollerabile, cacciare di casa l’ex compagno non è semplice. Come fare? Secondo la giurisprudenza, non è possibile cacciare di casa il convivente, cambiando la serratura dell’abitazione.

Durante la convivenza, anche se l’abitazione è di proprietà di uno solo, si instaura con l’immobile una situazione di possesso/detenzione. Ciò comporta che in caso di crisi, non è possibile procedere con le vie di fatto, mettendo alla porta l’ex compagno.

Vietato cambiare la serratura

Cambiare la serratura per cacciare di casa ex partner non è lecito. il Cambio della serratura rappresenta uno “spoglio” del possesso che può essere tutelato attraverso una azione veloce, cosiddetta possessoria. Lo spoglio si avvisa proprio nel fatto materiale, sorretto da animus spoliandi, della privazione del convivente more uxorio del godimento dell’immobile, mediante cambio della serratura. Con tale azione si impedisce materialmente al convivente di di rientrare nell’immobile. Oltre ad uno spoglio, può anche configurarsi il reato di violenza privata ai danni del convivente. L’essere proprietario esclusivo dell’immobile non giustifica il cambio della serratura se vi era una convivenza stabile con l’altro.

Un primo passo da fare per cacciare di casa l’ex è l’invio di una diffida a rilasciare l’immobile. In mancanza di spontaneo rilascio, si adirà il giudice competente per la condanna al rilascio e successiva esecuzione. Va, dunque, esperita un’azione di rilascio o di restituzione del bene immobile di proprietà per ottenere la riconsegna della casa da parte dell’ex convivente.

Come allontanare il convivente violento?

Molto spesso la necessità di allontanare l’ex compagno dall’abitazione è determinata dalla violenza di cui si è vittima. Lo strumento da utilizzare è allora quello del ricorso per abusi familiari al fine di ottenere un ordine di allontanamento. Quindi, anche nel contesto di una crisi famigliare, non è possibile procedere al cambio della serratura, seppure è finalizzata dalla necessita’ di proteggere la propria persona da aggressioni fisiche e verbali.

Come fare se ci sono figli minori

Nel caso di figli minori, è necessario presentare ricorso in tribunale in mancanza di accordi. Il giudice stabilirà, infatti, tutti i provvedimenti necessari per la regolamentazione dei diritti dei minori, compresa assegnazione della casa coniugale, assegno di mantenimento e calendario di visita.

Se desideri una consulenza al nostro studio, è necessario prenotare al numero 0815405612 oppure inviare una email ad avvocatodicaprio@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *